neurite ottica

La neurite ottica è un’infiammazione del nervo ottico, il fascio di fibre nervose che trasmettono informazioni visive dal tuo occhio al cervello. Il dolore e la perdita della vista temporanee sono comuni sintomi di neurite ottica.

La neurite ottica è fortemente associato con la sclerosi multipla, una malattia che provoca l’infiammazione e danni ai nervi nel cervello e nel midollo spinale. In alcune persone, segni e sintomi di neurite ottica può essere la prima indicazione della sclerosi multipla.

La maggior parte delle persone che hanno un singolo episodio di neurite ottica eventualmente recuperare la loro visione. Il trattamento con farmaci steroidei può accelerare il recupero dopo la visione neurite ottica.

La neurite ottica di solito colpisce un occhio. I sintomi possono includere

malattie degli occhi possono essere gravi. Alcuni possono portare alla perdita permanente della vista, e alcuni sono associata ad altri gravi problemi di salute. Rivolgersi al proprio medico se

La causa esatta di neurite ottica è sconosciuta. Tuttavia, neurite ottica si crede di svilupparsi quando il sistema immunitario si rivolge erroneamente la sostanza copre il nervo ottico (mielina), con conseguente infiammazione e danni al mielina.

Normalmente, la mielina aiuta impulsi elettrici viaggiano rapidamente dall’occhio al cervello, dove vengono convertiti in informazioni visive. La neurite ottica interrompe questo processo, che colpisce la visione.

Quando per vedere un medico

Cosa puoi fare

Le seguenti condizioni autoimmuni sono spesso associati con neurite ottica

Sclerosi multipla. La sclerosi multipla è una malattia in cui il sistema autoimmune attacca le fibre nervose copertura guaina mielinica nel cervello e nel midollo spinale. Nelle persone con neurite ottica, il rischio di sviluppare la sclerosi multipla dopo un episodio di neurite ottica è di circa il 50 per cento nel corso della vita.

Cosa aspettarsi dal proprio medico

Il rischio di sviluppare la sclerosi multipla dopo neurite ottica aumenta ulteriormente se una risonanza magnetica mostra lesioni sul cervello.

Prevenire la sclerosi multipla

Altre condizioni autoimmuni, quali la sarcoidosi e il lupus eritematoso sistemico, sono anche stati associati con neurite ottica.

Prognosi

Altri fattori che sono stati collegati allo sviluppo di neurite ottica includono

Fattori di rischio per neurite ottica derivanti da malattie autoimmuni comprendono

Le complicazioni derivanti da neurite ottica possono includere

Se si dispone di segni e sintomi di neurite ottica, è probabile vedere il vostro medico di famiglia o un medico generico. Tuttavia, si potrebbe essere indirizzati immediatamente a un medico specializzato nella diagnosi e nel trattamento delle malattie degli occhi (oftalmologo).

Ecco alcune informazioni per aiutarvi a preparare per l’appuntamento e sapere cosa aspettarsi dal proprio medico.

Preparare un elenco di domande vi aiuterà a fare la maggior parte del vostro tempo con il medico. Per neurite ottica, le domande da porre al medico includere

Il medico è probabile che chiedere una serie di domande, come ad esempio

È molto probabile di vedere un oculista per una diagnosi, che è generalmente basata sulla vostra storia medica e un esame. L’oculista probabilmente eseguirà i seguenti esami della vista

Altri test per diagnosticare la neurite ottica possono includere

La risonanza magnetica (MRI). Una risonanza magnetica utilizza un campo magnetico e gli impulsi della radio energia delle onde per rendere le immagini del tuo corpo. Durante una risonanza magnetica per verificare la presenza di neurite ottica, si può essere iniettato con una soluzione di contrasto per rendere il nervo ottico e di altre parti del cervello più visibile sulle immagini.

Una risonanza magnetica è importante per determinare se ci sono aree danneggiate (lesioni) nel cervello, che indicano un alto rischio di sviluppare la sclerosi multipla. Una risonanza magnetica può anche escludere altre cause di perdita della vista, come ad esempio un tumore.

La neurite ottica di solito c’è di meglio da sola. In alcuni casi, i farmaci steroidei sono utilizzati per ridurre l’infiammazione del nervo ottico. Possibili effetti collaterali prodotti dal trattamento con steroidi includono l’aumento di peso, cambiamenti di umore, mal di stomaco e insonnia.

Il trattamento con steroidi è di solito dato dalla vena (per via endovenosa). la terapia steroidea per via endovenosa può accelerare il recupero della vista, ma non sembra influenzare la misura in cui potrai recuperare la visione che hai perso. Il trattamento con steroidi è anche usato per ridurre il rischio di sviluppare la sclerosi multipla o rallentare il suo sviluppo.

Quando la terapia steroidea non riesce e grave perdita di visione persiste, una terapia di plasmaferesi trattamento chiamato può aiutare alcune persone a recuperare la loro visione. Tuttavia, gli studi non hanno confermato che la terapia lo scambio del plasma è efficace per la neurite ottica.

Se si dispone di neurite ottica, e si dispone di due o più lesioni cerebrali evidenti sulla risonanza magnetica, si potrebbe beneficiare di farmaci che aiutano a prevenire la sclerosi multipla. Questi farmaci iniettabili, tra cui l’interferone beta-1a (Avonex, Rebif) e interferone beta-1b (Betaseron, Betaferon), sono utilizzati per prevenire o ritardare lo sviluppo della sclerosi multipla nelle persone ad alto rischio di malattia.

La maggior parte delle persone a riacquistare vicino alla visione normale entro 12 mesi dopo un episodio neurite ottica.

Le persone con sclerosi multipla o neuromielite ottica potrebbero avere un rischio maggiore di attacchi ricorrenti di neurite ottica. La neurite ottica può ricorrere a persone senza condizioni di base, ma queste persone in genere hanno una migliore prognosi a lungo termine per la loro visione di quanto non facciano le persone con sclerosi multipla o neuromielite ottica.

visitare il vostro medico